B E R T H O U D   M E D I A   P R O D U C T I O N

I   HOME     I   FILM & VIDEO     I    FILMMUSIK    I    ÜBERSETZUNG     I   TEXT   I   CONSULTING      I   TEAM     I    KONTAKT    I   english   I

Leonardo da Vinci

e il ritratto conteso di Isabella d‘Este

È una questione internazionale di rilievo, che vede coinvolta in primo piano la città di Lugano, ma anche la Svizzera intera nei suoi rapporti con l’Italia e il mondo internazionale dell’arte. Tutto ha inizio nel 2013, quando fa la sua comparsa proprio a Lugano una misteriosa, controversa ed altrettanto prestigiosa opera d’arte: il ritratto di Isabella d’Este attribuito a Leonardo da Vinci, ma la cui firma non fa l’unanimità tra gli esperti del grande genio del Rinascimento. La notizia fa il giro del mondo e ha l’effetto di un terremoto.  La proprietaria del ritratto, Emidia Cecchini, di nazionalità italiana e per molti anni residente a Lugano, viene accusata e condannata dalla cassazione italiana ad un anno e due mesi di reclusione per esportazione illecita di opera d’arte. Di conseguenza, prima ancora di poterne chiarire definitivamente l’autenticità, lo Stato italiano ordina il sequestro immediato dell’opera. La Svizzera però, per motivi legislativi, non dà seguito alla richiesta italiana e si innesca un lungo processo che coinvolgerà il Tribunale federale. Una vicenda che assume i contorni del giallo e che ha avuto una svolta conclusiva recentemente. Annette Frei Berthoud ricostruisce nel documentario l’intera vicenda, dà voce alla proprietaria, ai legali, agli storici, agli storici dell’arte; un quadro, un genio, due nazioni, un intrigo internazionale.

Fino al 28 settembre 2019: RSI Replay / SRF Replay



Cast and Crew